radverleih

Noleggio bici a Siusi/Alpe di Susi

sponsoren

Co sponsor

partner
loading

Escursioni di più giorni

La patria delle streghe dello Sciliar

Escursione di 2 giorni sullo Sciliar con pernottamento

 

Giorno 1:

 

Lo Sciliar è uno degli emblemi dell'Alto Adige. Con il suo aspetto caratteristico, è una delle montagne più facili da identificare. Nella parte alta si apre un ampio altopiano in vetta posto davanti all'estesa Alpe di Siusi sul versante nord. Le possibilità di salita sono diverse. Il nostro punto di partenza è Siusi allo Sciliar. Camminando al di sopra della strada verso Fiè, in direzione laghetto di Fiè, passando la malga Tuff fino alla diramazione per l'Hofer Alpl. Quindi si arriva ad un tratto assolutamente imperdibile: attraverso una gola è stato realizzato un "Prügelweg" (sentiero dei tronchi) con tronchi di larici segati in modo squadrato. Quindi attraversiamo la malga Sesselschwaige e l'area adibita a pascolo attorno al Rifugio Bolzano, la nostra base per la notte. Da qui si può raggiungere la vetta con 20 minuti di cammino su un sentiero sassoso, ma non difficile.

Partenza: stazione a valle della cabinovia Alpe di Siusi - Uffici Alps Activ
Durata: 6 h
Dislivello: 1540 m
Lunghezza percorso: 12,5 km

 


Alternativa per il primo giorno:
lo Sciliar è una montagna ricca di storia e simbolica caratterizzata da un profilo particolare che la rende l'emblema universalmente noto dell'Alto Adige. Dalla stazione a monte dell'impianto, possiamo camminare attraverso i pascoli in leggera salita fino al punto "1.960 m" e quindi scendere di circa 130 metri di dislivello fino alla malga Saltner e un ponte. Il sentiero verso il Rifugio Bolzano diventa quindi ripido e pieno di sassi, prendendo il nome di Sentiero dei turisti.

Partenza: stazione a valle della cabinovia Alpe di Siusi - Uffici Alps Activ
Durata: 4 h
Dislivello: 750 m
Lunghezza percorso: 8,5 km

 

Giorno 2:

 

dal Rifugio Bolzano un sentiero pressoché pianeggiante conduce attraverso l'altopiano. Una volta raggiunti i piedi del versante occidentale della Cima di Terrarossa, il percorso segue un andamento a serpentina in discesa fino al limite superiore del cosiddetto Bärenloch (Buco dell'Orso), il termine della Valletta Ciamin. Da qui il sentiero si snoda attraverso scure formazioni di Wengen fino a raggiungere il rifugio Alpe di Tires (2.440 m). Il ritorno dall'Alpe di Tires all'Alpe di Siusi inizia con la salita alla forcella Denti di Terrarossa (2.499 m). Salendo sui Denti di Terrarossa, seguendo un percorso a zig-zag si raggiunge l'Hotel "Goldknopf" (2.078 m). Seguendo un ampio sentiero raggiungiamo quindi l'"Hotel Panorama" e torniamo al nostro punto di partenza Alpe di Siusi, dal limite occidentale.

Partenza: Schlernhaus/Rifugio Bolzano
Durata: 5 h
Dislivello: 360 m
Lunghezza percorso: 13,5 km

 

Prezzo per persona comprensivo di:

  • 2 giorni di assistenza da parte di una guida escursionistica abilitata di Alps Activ
  • 1 pernottamento nel dormitorio del Rifugio Bolzano con colazione (cena à la carte esclusa)

€ 150 per persona (min. 4 persone) - Nel caso dell'offerta alternativa + €10,00 a persona per il biglietto dell'impianto di risalita

Info e iscrizioni info@alps-activ.com

Ospiti del re Laurino

Escursione di 3 giorni con attraversamento del Catinaccio e pernottamento

Giorno 1:

Dalla stazione a valle della cabinovia dell'Alpe di Siusi, transfer in autobus con la guida per raggiungere il Passo Carezza. Sulla strada verso il Rifugio Roda di Vael potrete immergervi nella bellezza delle Dolomiti, ammirando favolosi scorci panoramici durante la vostra escursione. Il rifugio è situato sulla Sella del Ciampaz, ad un'altezza di 2283 m, nel cuore del gruppo del Catinaccio. Sopra al rifugio si erge la Roda di Vael con il suo imponente versante orientale e la Torre Finestra, le cui ripide e impressionanti pareti di roccia confinano con i cumuli di pietre e rocce sottostanti.

Partenza: stazione a valle della cabinovia Alpe di Siusi - Uffici Alps Activ
Durata: 1,5 h
Dislivello: 504 m
Lunghezza percorso: 3,5 km

Giorno 2:

Partenza dal Rifugio Roda di Vael in direzione Cime dei Mugoni. Tenendo la destra al bivio, sotto all'imponente cima di roccia inizia la salita. Attraverso un breve e imponente arco di roccia, in un'ora scarsa si raggiunge il passo delle Cigolade (2550 m). Da qui si può già vedere in lontananza il Rifugio Vajolet (2243 m), che raggiungiamo in un'altra ora di strada. Dopo una piacevole sosta al rifugio, seguiamo la Val Vajolet fino al Passo Molignon e all'omonimo rifugio (2600 m). Discesa in direzione Passo Molignon e quindi verso il rifugio Alpe di Tires, il nostro quartier generale per la notte.

Partenza: Rifugio Roda di Vael
Durata: 7 h
Dislivello: 950 m
Lunghezza percorso: 11 km

Giorno 3:

La prima parte dell'itinerario sotto alla Cima di Terrarossa è ripida e scoscesa. Dopo un po', un percorso a serpentina su sentiero di montagna con salite impegnative, ci fa raggiungere la quota di 2540 metri sul livello del mare. Quindi si prosegue su un sentiero più tranquillo attraverso un paesaggio fatto di prati e rocce, fino ad un'altra breve salita, poco prima di raggiungere il Rifugio Bolzano. Lungo la discesa si passa per la malga Sesselschwaige (1919 m) e il famigerato Prügelsteig, la gola dello Sciliar, e quindi al sottostante Peter Frag. Da qui una facile salita panoramica ci conduce alla malga Tuff e quindi al punto di partenza, la stazione a valle della cabinovia Alpe di Siusi.

Partenza: Rifugio Alpe di Tires
Durata: 7 h
Dislivello: 400 m
Lunghezza percorso:

17,5 km

Prezzo per persona comprensivo di:

  • 3 giorni di assistenza da parte di una guida escursionistica abilitata di Alps Active
  • 2 pernottamenti nel dormitorio del Rifugio Roda di Vael/Rifugio Alpe di Tires con mezza pensione (cena e colazione)

270 Euro per persona (min. 4 persone) - Nel caso dell'offerta alernativa +10,00 € a persona per il biglietto dell'impianto di risalita

Info e iscrizioni all'indirizzo info@alps-activ.com